Si fa presto a dire mamma

Si fa presto a dire mamma. Sì, certo, è il desiderio più naturale, la storia del mondo e della vita. Ma non tutto è così semplice, nulla è scontato.

Nel numero di luglio di ‘O Magazine la copertina è dedicata alle mamme. Una bellissima illustrazione di Andrea Aste in cui enormi biberon prendono il posto dei mostri protagonisti del film di Steven Spielberg La guerra dei mondi.

È proprio vero che ogni donna ha come desiderio quello di diventare madre? Ed è altrettanto vero che una volta venuto al mondo un figlio si voglia per forza allattarlo senza ricorrere al biberon? L’orologio biologico suona per tutte o per alcune non fa tic tac? E ancora… fare la mamma paga o ci sono ancora discriminazioni a livello lavorativo e sociale per le donne che decidono di mettere al mondo dei figli?

“Allatti? È la domanda per ogni madre, e ogni risposta può essere usata contro di te. Perché quello che pesa è il verdetto che ti ricade addosso come una sciagura.

Allattare al seno o no è il punto che divide le madri, che scatena dibattiti e ti proietta in una squadra, dove chi non la pensa come te allora deve essere sicuramente contro di te perché farsi un’opinione in questa girandola di emozioni è troppo faticoso per rischiare poi di cambiare idea: allattamento artificiale contro la dittatura della tetta. La scelta difficile delle madri. Ragione o sentimento. «Io non allatto e allora?» scrive una mamma in rete. E i commenti si moltiplicano. Senso di rabbia e frustrazione. Siamo un paese di contraddizioni e l’allattamento non è un’eccezione. Una mamma che non allatta in Italia per scelta non è ben vista. Eppure non siamo certo uno dei paesi con i tassi di allattamento più alti”.

A queste domande ma non solo ha cercato di dare delle risposte ‘O Magazine nella sua speciale sezione di luglio dedicata alle mamme. Alla guerra delle mamme.

Pezzi da leggere. Per capire, comprendere. Per avere altri punti di vista rispetto a quelli tradizionali.

2018-07-18T10:57:34+00:00

Redazione

Via Aldo Moro 481 - 03100 Frosinone

Editore: Fondazione 262

Via Aldo Moro 481 - 03100 Frosinone