Il mattatoio del sorriso

Il mattatoio del sorriso. È una notte di follia quella che spinge Manuel Foffo e Marco Prato ad uccidere Luca Varani dopo un festino a base di cocaina. La notte del 4 e 5 marzo finirà in tragedia dopo ore di sevizie.

Il destino di un ragazzo che cambia la sua strada dopo essere entrato in un palazzone in via Igino Giordani, a Roma.

Nel numero 05 di ‘O Magazine non ci sono racconti di cronaca o particolari morbosi per gli amanti della cronaca nera. C’è invece una lettera, tenera e drammatica, a firma di Davide Toffoli, che era stato un insegnante di Luca.

Ne pubblichiamo uno stralcio qui, sul blog di ‘O Magazine.

…Nelle giornate assurde che ne sono seguite, tutti ci siamo ritrovati in un tritacarne mediatico: ci abbiamo messo la faccia per primi, nella speranza di lasciare respirare Marta Gaia e la tua famiglia, che più di noi avevano il diritto di essere lasciati in pace (nei limiti del possibile) a fare i conti col proprio dilaniante dolore. Abbiamo trovato sciacalli pronti ad avventarsi sul dramma, ma anche professionisti seri, “esseri umani” prima di tutto. Abbiamo visto lacrime solcare, senza controllo, il loro viso. Ce li siamo sentiti addosso come un abbraccio. Ci sono stati vicini e abbiamo cercato, insieme, di capirne di più. Nicola Lagioia, in un toccante reportage sulla vicenda, ci ha regalato righe intense: «Il punto è amare Luca qualunque cosa sia successo. Amatelo se per ingenuità ha commesso un errore. (…) Se verrà fuori che le cose sono andate come oggi credete sia impossibile, amatelo lo stesso. Accettate che oltre una certa soglia siamo sconosciuti gli uni agli altri, che chi ci è accanto può avere zone d’ombra, e non per questo possiamo smettere di amarlo. (…) Essendo riusciti a vedere in lui ciò che è essenziale, sarete forti di un amore che non verrà tradito». Ci ha ricordato l’importanza assoluta di accettare anche i nostri lati più cupi, ci ha aiutato a ritrovare, per quanto difficile, un senso. «Solo restituendo con coraggio all’altro un profilo quanto possibile compiuto e fedele, saprete meglio chi siete voi stessi. Allora sentirete la bellezza di essere diventati adulti. E se lo siete già, ne uscirete rafforzati. Saprete benissimo dove andare, sentirete forte e chiara la direzione, pur nel ventre di una città, Roma, che per adesso ne è schifosamente priva»…

2018-08-09T11:05:38+00:00

Redazione

Via Aldo Moro 481 - 03100 Frosinone

Editore: Fondazione 262

Via Aldo Moro 481 - 03100 Frosinone