Il grande cinema e il suo doppio

Il grande cinema e il suo doppio. A Raccontarci la storia dei doppiatori italiani, forse i più grandi al mondo, è Massimo M. Veronese, giornalista e autore del libro Senti chi parla, proprio sulle grandi voci del doppiaggio.

Sul numero 06 di ‘O Magazine, Veronese sottolinea come le voci italiane abbiano «ridisegnato il futuro del nostro Paese, gli hanno dato un’identità, hanno portato nel mondo della fantasia chi aveva vissuto fin lì solo tragiche realtà. È attraverso il cinema che l’italiano dei dialetti ha imparato a parlare la propria lingua».

Il racconto è sui doppiatori e le loro storie, oltre che sulle frasi di pellicole che hanno fatto la storia del cinema entrando a far parte del gergo comune.

Veronese cita per primo Sandro Iovino, gigante del doppiaggio e che ha prestato la sua voce a Roy Batty, replicante di Blade Runner. E ancora, Gianfranco Bellini per 2001 Odissea nello Spazio; Luca Ward per Matrix; Domitilla D’Amico, la principessa Neytiri di Avatar; Teo Bellia è stato il futuro, il Marty McFly di Ritorno al futuro; Luciano De Ambrosis, bambino prodigio del cinema neorealista di de Sica e oggi alter ego di Sean Connery, che adulto è stato il James Caan di Rollerball; Natale Ciravolo, il Capitano Kirk di Star Trek e tanti altri.

Scrive, tra le altre cose, Veronese: «Il futuro fatevelo bello…» diceva Doc. Lo scienziato scombinato di Ritorno al futuro che Christopher Lloyd inventò pensando a Einstein. Il muro di Berlino e i confini con quello che era un altro mondo, stava per cadere, come la porta delle stelle di Stargate, la tecnologia cominciava a uscire dalla fantascienza e invadere la realtà, il domani sembrava pieno di promesse, i figli della grande scolarizzazione stavano diventando uomini, i padroni di un mondo nuovo dove nulla sarebbe stato più come prima. Il futuro fatevelo bello era il Carpe diem dell’Attimo fuggente, peccato che il domani che tutti si aspettavano sia rimasto un po’ indietro. Non era questo il finale.

Il resto sul numero 06 di ‘O Magazine.

2018-08-29T12:55:19+00:00

Redazione

Via Aldo Moro 481 - 03100 Frosinone

Editore: Fondazione 262

Via Aldo Moro 481 - 03100 Frosinone