Aleppo matrigna

Cosa significa resistere? Come è possibile scegliere, senza scappare, tra uno, due, tre mali, tra questa e quella dittatura? «Si resta perché non c’è altro posto dove andare. E io non posso immaginare di perdere la mia città».

Nel numero di maggio di ‘O Magazine, Elena Barlozzari intervista Khaled Khalifa, scrittore e poeta siriano che non abbandona la sua Aleppo. Nonostante tutto. È qui, a casa sua, che ha fondato la rivista Aleph, censurata dal governo. È qui che resta. Non vuole diventare un esiliato, o un rifugiato.

“Khaled è pronto «a pagare il prezzo delle proprie scelte». Ma non chiamatelo coraggioso, perché lui vi risponderà che la sua è una scelta vile. È la scelta di chi «non è in grado di immaginare di perdere la Siria, di dover abbandonare il mio Paese e me stesso»”.

Suggestive le illustrazioni di Andrea Aste, che disegna il mondo di ‘O.

2018-06-01T15:18:39+00:00

Redazione

Via Aldo Moro 481 - 03100 Frosinone

Editore: Fondazione 262

Via Aldo Moro 481 - 03100 Frosinone